sabato 31 gennaio 2015

Notariato e associazioni presentano la guida ‘Il matrimonio: diritti e doveri in famiglia’


Continua proficuamente la collaborazione tra Consiglio Nazionale del Notariato e 12 Associazioni dei Consumatori (Adiconsum, Adoc, Altroconsumo, Assoutenti, Casa del Consumatore, Cittadinanzattiva, Confconsumatori, Federconsumatori, Lega Consumatori, Movimento Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino, Unione Nazionale Consumatori), che oggi hanno presentato al pubblico e alla stampa l’undicesima Guida per il Cittadino “Il matrimonio: diritti e doveri in famiglia” dedicata agli obblighi di legge che marito e moglie assumono reciprocamente e nei confronti dei figli, alle disposizioni in ambito successorio e previdenziale, nonché alle novità in tema di separazione e divorzio.
Secondo i dati ISTAT dal 1972 il numero dei matrimoni in Italia è in costante diminuzione ed in particolare negli ultimi 20 anni la flessione media annua è stata dell’1,2%. A diminuire sono soprattutto le prime nozze tra sposi di cittadinanza italiana: 145.571 celebrazioni nel 2013, oltre 40 mila in meno negli ultimi cinque anni. I matrimoni con almeno uno sposo straniero sono circa 26 mila e di questi la tipologia prevalente è quella in cui la sposa è di cittadinanza straniera: 14.383 nozze (il 78% di tutti i matrimoni misti). Una sposa straniera su due è cittadina di un paese dell’Est Europa (Ue e non-Ue).
Parallelamente alla diminuzione dei matrimoni, crescono invece le nuove modalità di vita insieme:sono oltre 4 milioni i single non vedovi, quasi 4 milioni le persone che vivono in famiglie di mono-genitori non vedovi, circa 3 milioni le persone che vivono in famiglie di non coniugati e quasi 2 milioni quelle che vivono in famiglie ricostituite coniugate. In totale oltre 13 milioni di persone, il 21% della popolazione, dato quasi raddoppiato rispetto al 1998 vive in famiglie non tradizionali. Le libere unioni hanno superato il milione nel 2012-2013 e rappresentano il 7% delle coppie; sono più diffuse nel nord-est, presentano un titolo di studio più elevato e una percentuale maggiore di quelle coniugate dove entrambi lavorano. Diminuisce inoltre il numero di coppie decise a sposarsi dall’inizio dell’unione e cresce la percentuale di “possibilisti” (34%).
La Guida, con il consueto taglio divulgativo che caratterizza la Collana, offre una panoramica sulle tipologie di matrimonio attualmente previste dal nostro ordinamento, sugli effetti che producono sul piano dell’ordinamento giuridico italiano ed illustra anche le nuove procedure di divorzio per negoziazione assistita e per richiesta congiunta innanzi all’ufficiale di stato civile. Entrambe intro­dotte dal D.L. 132/2014, sono utilizzabili unicamente nel caso in cui il divorzio dipenda da separazione protratta.
Dallo status di coniuge scaturiscono importanti effetti che riguardano in particolare l’ambito previdenziale, successorio e che incidono sull’applicazione di determinati istituti giuridici, come nel caso di autorizzazione al trapianto di organi e tessuti.
In particolare in ambito successorio, il coniuge del defunto è ricompreso tra gli eredi nel caso di successione legittima, e cioè senza testamento. In qualità di legittimario al coniuge spetta il diritto a una determinata quota di patrimonio del defunto (e ciò a prescindere dalla volontà di quest’ultimo, che con il testamento potrebbe aver disposto in modo differente); il coniuge inoltre ha il diritto di abitazione della casa coniugale, nonché il diritto di uso dei beni mobili in essa contenuti. Tali diritti vengono garantiti al coniuge anche nel caso di separazione, fino al momento della formalizzazione del divorzio.

lunedì 26 gennaio 2015

Over 75 esenti dal canone Rai


COMUNICATO STAMPA del 23/01/2015
CANONE RAI - ESENZIONE PER GLI OVER 75

Movimento Difesa del Cittadino – Monza (MDC) apre uno sportello per fornire consulenza ed informazioni


A seguito dell'abolizione del canone Rai per i cittadini over 75, prevista con la finanziaria del 2008 ed esplicata con la circolare 46/2010 dell'Agenzia delle Entrate, la sede locale del Movimento Difesa del Cittadino ha ricevuto numerose richieste di informazioni. “I Cittadini monzesi ci chiedono – spiega Roberto Valenti responsabile del dipartimento legale – informazioni su come ottenere il beneficio di legge.
Per poter usufruire dell'esenzione , continua Valenti, bisogna che il contribuente abbia determinati requisiti.
1. aver compiuto 75 anni di età entro il termine per il pagamento del canone di
abbonamento RAI (attualmente il 31 gennaio e 31 luglio di ciascun anno);
2.non convivere con altri soggetti diversi dal coniuge;
3.possedere un reddito che, unitamente a quello del proprio coniuge, non sia superiore complessivamente a euro 516,46 per tredici mensilità.”
Il Movimento Difesa del Cittadino-Monza (MDC) per poter meglio aiutare gli aventi diritto ha aperto uno sportello on line dove i consumatori potranno ricevere informazioni e consigli sulla modalità e la compilazione dei relativi moduli.
Il consumatore potrà inviare una mail all’indirizzo monza@mdc.it per una consulenza diretta oppure telefonare al numero 039.94.66.098 – 334.84.83.713.

A cura della sede MDC-Monza
tel. 039.94.66.098 – 349.600.28.18 e.mail monza@mdc.it
-------
Movimento Difesa Cittadino - Monza
Viale Libertà, 37 C/O Circolo Libertà - 20052 Monza
e.mail monza@mdc.it
tel +39 039.9466098 cellulare 334 8483713

mercoledì 21 gennaio 2015

FAME ZERO una App contro lo spreco alimentare

Con il supporto della Santa Sede e del governo italiano, è partito a dicembre il progetto "Fame Zero", che, attraverso un'applicazione su smartphone, consentirà di aiutare i bisognosi di cibo nelle città italiane.
Lo scopo Scopo dell'app è quello di mettere in contatto i singoli cittadini e le aziende con gli incaricati che si occuperanno di raccogliere il cibo messo a disposizione e portarlo ai centri di raccolta.
Chi sceglie di prendere parte al progetto potrà ricoprire uno dei seguenti ruoli:


- donatori, cittadini privati, attività commerciali, ristoranti ed eventi che decidono di mettere il cibo non utilizzato a disposizione della comunità e che per farlo pubblicheranno un annuncio riguardo a ciò che intendono donare.
angeli sono presenti su tutto il territorio e sono i destinatari dell'offerta. A loro, dopo un’attenta selezione, sarà affidato il compito di recuperare il cibo presso le diverse realtà donanti. 
centri di raccolta sono associazioni e altre realtà di volontariato che si occuperanno di distribuire il cibo ai bisognosi della zona.
Gli utenti che si iscriveranno alla piattaforma potranno controllare i punti di raccolta cibo presenti sul territorio ed affidare a loro il proprio cibo in esubero in modo che non venga gettato ma, se ancora idoneo alla distribuzione, venga reso disponibile per i più bisognosi presenti nel territorio circostante. 
Tutto questo con lo scopo di sensibilizzare al massimo gli abitanti della terra sugli sprechi di cibo che quotidianamente ci sono. Cibo che potrebbe essere perfettamente usato per soddisfare le esigenze di base di persone più bisognose.

http://www.famezero.com/

A Milano 1000 abbonamenti Atm gratuiti per i disoccupati


Il Comune di Milano ha deciso di investire ben 215 mila euro per l'iniziativa MILANO VIAGGIA CON TE che finanzierà 1.000 abbonamenti ATM urbani con durata annuale da destinare a disoccupati e giovani precari fra i 18 e i 35 anni.


Tra i requisiti per poter presentare la domanda servono:

- la residenza a Milano per i cittadini italiani
- l’attestato di iscrizione anagrafica al Comune di Milano per i cittadini europei
- Il premesso di soggiorno per i cittadini extraeuropei


ECCO CHI PUO’ FARNE RICHIESTA:
A – Disoccupati: serve Certificazione dello stato occupazionale (ex DID) con la  dizione “disoccupato". 
Viene rilasciata dal Centro per l’impiego di Milano Via Strozzi (angolo Via Soderini) MM1 Bande nere.

B – Precari con età dai 18 ai 35 anni con contratto di lavoro:– a tempo determinato
– a progetto – di inserimento
– di apprendistato
– titolari di borse di studio universitarie.
Per le persone con lavoro precario vi è la possibilità di partecipare se il valore ISEE (Indicatore situazione economica familiare) è inferiore ai 20.000 euro.  


Abbonamenti Gratuiti Atm 2015 | Come avergli Informazioni

Gli abbonamenti verranno assegnati in base all'ordine di arrivo delle domande.



mercoledì 14 gennaio 2015

Scooter Sharing a Milano dal 21 marzo

E' stato scelto il primo giorno di primavera per far partire a Milano il servizio di Scooter Sharing. 
Dopo le biciclette e le auto i milanesi potranno scegliere anche lo scooter per spostarsi in città.
Francesco Maran, assessore alla Mobilità e ambiente ha dichiarato Qualunque sia il mezzo di trasporto a Milano deve essere disponibile anche in sharing. Sono certo che, come accaduto per i servizi di car sharing, saranno moltissimi i milanesi che usufruiranno di questo nuovo servizio. Il futuro della mobilità è questo: poter contare, in qualunque momento, di un mezzo di trasporto comodo per spostarsi, senza essere obbligati ad acquistarlo”.
Il servizio (attivo 7 giorni su 7 - 24 ore su 24) e accessibile solo ai maggiorenni si propone di mettere a disposizione una flotta di almeno 1500 mezzi dotati di due caschi, per il conducente e per l'eventuale passeggero, solo nei casi in cui è consentito viaggiare in due.
Inoltre, per ogni scooter messo in servizio la convenzione prevede anche sia attivato, da parte dei singoli gestori, un investimento minimo di 100 euro per la realizzazione di corsi rivolti ai giovani sulla sicurezza stradale da svolgersi con cadenza semetrale nelle scuole cittadine secondo un programma da concordarsi preventivamente con l’Amministrazione comunale.
Per le tariffe saranno molto simili a quelle delle auto a consumo e dovrebbero aggirarsi fra i 25 e i 30 centesimi al minuto e a seconda dei km percorsi.
Al bando per lo scooter sharing dovrebbero partecipare Piaggio (in collaborazione con Eni e Fiat che già gestiscono il car sharing Enjoy) con il tre ruote Mp3, Yamaha con l'omologo Tricity e la spagnola Motit che a Barcellona fornisce scooter elettrici in condivisione.
In forse anche la svizzera Quadro e Renalut che potrebbe usare i quadricicli elettrici Twizy.

martedì 13 gennaio 2015

Legge antifumo 2015

Era il gennaio 2005 quando entrò in vigore la legge del ministro Sirchia a tutela dei non fumatori che stabilì una serie di divieti negando ai fumatori la possibilità di farlo negli spazi pubblici, sui posti di lavoro e, da qualche anno, anche nelle aree all’aperto di pertinenza delle scuole.Da allora è stato registrato un calo di fumatori del 6,5% e del consumo di tabacco del 12,5%. Ma non ci si può accontentare né tanto meno abbassare la guardia.
Beatrice Lorenzin, attuale ministro della Sanità, afferma: "La lotta al fumo deve rimanere una priorità".
Il fumo è infatti ancora oggi la prima causa di morte in Italia (circa 70mila persone l'anno) e si registra la tendenza all'abbassamento dell'età in cui i giovani consumano la prima sigaretta (11/12 anni) e questo, nonostante in Italia sia vietata la vendita di tabacco ai minori di 18 anni. Ecco perchè, a distanza di dieci anni dalla legge Sirchia, si pensa a nuove restrizioni per ridurre il numero dei consumatori di sigaretta.
Il progetto dell’attuale ministro Lorenzin, prevede il divieto di fumare anche nei parchi pubblici, negli stadi, nelle spiagge attrezzate e sulle auto con bambini a bordo. In discussione anche i divieti nei film e nelle serie televisive nazionali.
Un'altra possibilità che si stanno vagliando sono quella suggerita dall’Oms di aumentare progressivamente i prezzi delle sigarette e la ricezione di una direttiva europea che chieda ai produttori di inserire immagini dissuasive sui pacchetti di sigarette.

sabato 10 gennaio 2015

Scuola: dal 15 gennaio 2015 via alle iscrizioni on line


A partire dal 15 gennaio 2015 sarà possibile effettuare l'iscrizione on line alle classi prime per le scuole elementari, medie e superiori.
Ci sarà un mese di tempo per scegliere l'istituto preferito e le le domande arrivate per prime non avranno diritto di precedenza, quindi consigliamo di non collegarsi tutti nei primi giorni in quanto, oltre ad essere inutile, si rischia di mandare in tilt il sistema.Nella domanda sarà possibile effettuare una preferenza di scuola e fino a due alternative possibili nel caso l’eccesso di domande per l’istituto prescelto renda indispensabile smistare gli studenti.

COME PROCEDERE:
1) La registrazione richiede pochi minuti e deve essere effettuata da uno dei genitori munito di codice fiscale e di un indirizzo di posta elettronica valido.
2) Dopo aver fornito le vostre generalità riceverete una mail con le credenziali per accedere all'iscrizione vera e propria e il link da cliccare per poter convalidare l'iscrizione.
3) 
Quando il sistema avrà preso in esame la domanda, il genitore riceverà una mail in cui il Miur notifica che la domanda è stata presa in carico.
4) L'iter potrà considerarsi concluso solo quando s
i riceverà una comunicazione via mail contenente l’accettazione della domanda.

Per aiutare le famiglie a compiere la scelta giusta sul sito dedicato sono stati messi a disposizione diversi materiali informativi: una brochure sintetica, una guida approfondita e video tutorial (www.iscrizioni.istruzione.it).
L'Ufficio Relazioni con il Pubblico resterà a disposizione attraverso il suo canale web http://www.istruzione.it/urp, via telefono (06.58492377 - 2379 - 2755 - 2796 - 2803), e-mail e in presenza attraverso gli sportelli presenti al Miur con orario rafforzato e continuato dalle 9 alle 18, dal lunedì al venerdì.
Per supportare l'attività dell'Urp, in occasione delle iscrizioni on line, è stato anche attivato un help desk che risponderà al numero
 06.58494025 a cui le famiglie potranno rivolgersi per chiarimenti e aiuto.