mercoledì 14 gennaio 2015

Scooter Sharing a Milano dal 21 marzo

E' stato scelto il primo giorno di primavera per far partire a Milano il servizio di Scooter Sharing. 
Dopo le biciclette e le auto i milanesi potranno scegliere anche lo scooter per spostarsi in città.
Francesco Maran, assessore alla Mobilità e ambiente ha dichiarato Qualunque sia il mezzo di trasporto a Milano deve essere disponibile anche in sharing. Sono certo che, come accaduto per i servizi di car sharing, saranno moltissimi i milanesi che usufruiranno di questo nuovo servizio. Il futuro della mobilità è questo: poter contare, in qualunque momento, di un mezzo di trasporto comodo per spostarsi, senza essere obbligati ad acquistarlo”.
Il servizio (attivo 7 giorni su 7 - 24 ore su 24) e accessibile solo ai maggiorenni si propone di mettere a disposizione una flotta di almeno 1500 mezzi dotati di due caschi, per il conducente e per l'eventuale passeggero, solo nei casi in cui è consentito viaggiare in due.
Inoltre, per ogni scooter messo in servizio la convenzione prevede anche sia attivato, da parte dei singoli gestori, un investimento minimo di 100 euro per la realizzazione di corsi rivolti ai giovani sulla sicurezza stradale da svolgersi con cadenza semetrale nelle scuole cittadine secondo un programma da concordarsi preventivamente con l’Amministrazione comunale.
Per le tariffe saranno molto simili a quelle delle auto a consumo e dovrebbero aggirarsi fra i 25 e i 30 centesimi al minuto e a seconda dei km percorsi.
Al bando per lo scooter sharing dovrebbero partecipare Piaggio (in collaborazione con Eni e Fiat che già gestiscono il car sharing Enjoy) con il tre ruote Mp3, Yamaha con l'omologo Tricity e la spagnola Motit che a Barcellona fornisce scooter elettrici in condivisione.
In forse anche la svizzera Quadro e Renalut che potrebbe usare i quadricicli elettrici Twizy.

Nessun commento:

Posta un commento