mercoledì 4 febbraio 2015

Influenza 2015 il picco è previsto per metà febbraio


Aumentano i casi di influenza che stavolta pare particolarmente aggressiva e di cui avremo il picco verso metà febbraio.
Sono particolarmente a rischio i bambini, i cardiopatici, i diabetici, coloro che per terapie specifiche hanno già le difese immunitarie più basse e gli anziani.
Il virus si trasmette via aerea quindi l'ideale sarebbe evitare posti troppo affollati (cosa non facile). 
Il rischio di trasmissione dell’infezione può essere ridotto anche applicando delle regole generali come lavarsi regolarmente le mani con acqua e sapone, coprire la bocca e il naso con un fazzoletto di carta quando si tossisce o starnutisce ed evitare di esporsi a sbalzi di temperatura.
Stefania Salmaso,direttore del Centro nazionale di epidemiologia dell’Istituto Superiore di Sanità ci dà queste indicazioni circa i sintomi: "L’influenza è caratterizza da un brusco rialzo della temperatura, oltre i 38 gradi, almeno un sintomo respiratorio (naso “chiuso” o che “cola”, mal di gola, tosse), e almeno un sintomo generale, come dolori articolari e muscolari, mal di testa, stanchezza. La vera influenza colpisce meno frequentemente di quanto si creda, forse una decina di volte nel corso di una vita , ma quando la si è avuta la si ricorda come una malattia non proprio banale."
Tra i rimedi consigliati per uscirne quanto prima si consiglia di tenersi idratati (bere molti liquidi thè, tisane, succhi di frutta, spremute, latte caldo), mangiare in modo leggero, riposo assoluto per almeno 5 giorni, in caso di febbre elevata assumere al più paracetamolo ed evitare antibiotici o rimedi fai da te.

Nessun commento:

Posta un commento